Tuesday, 30 November 2021

Cresce la cultura di genere

Il Presidente Talarico


Il Presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico ha incontrato nel suo studio a Palazzo Campanella, una delegazione del Coordinamento “Mai più senza donne”, associazione che si batte per l’affermazione della rappresentanza di genere e la promozione della parità di accesso tra uomini e donne alle cariche elettive.

 
L’incontro, al quale hanno preso parte Fernanda Gigliotti (Gruppo Pd Calabria 25 Aprile); Anna Maria Basile, Antonella Tassitano e Luciana Bova (“Se non ora quando” di Reggio Calabria) e Nella Garganesi per l’Udi di Reggio Calabria, è stato occasione per fare il punto sul percorso intrapreso nella direzione di una maggiore rappresentanza delle donne nei luoghi decisionali.

 

Nel comunicare che “Mai più senza donne” si farà promotrice della raccolta di firme per la presentazione di un progetto di legge di iniziativa popolare, l’associazione ha auspicato che “possa essere al più presto avviata la discussione per riformare la legge elettorale introducendo la parità di opportunità nella formazione delle liste con la previsione da parte dei partiti di liste alternate (50% donne e 50% uomini) e la possibilità della doppia preferenza”.
“Si tratta - hanno affermato - di una forma di riparazione e di risarcimento nei confronti delle donne in una regione che detiene il triste primato di non avere eletto neanche una donna nel Parlamento calabrese, che ha poche donne-Sindaco e che presenta il più alto tasso di disoccupazione giovanile al femminile”.

 

“Stiamo saggiando la risposta dei territori rispetto ad un argomento, quello della rappresentanza delle donne nelle Istituzioni, che è interesse, non solo del mondo femminile ma dell’intera comunità calabrese” - ha detto il Presidente Francesco Talarico.

 

“La Commissione regionale per le Pari Opportunità - ha ricordato - si è fatta portavoce di questa istanza con un’azione di sensibilizzazione dei partiti, delle associazioni e dei territori su cui, a breve, intendiamo, fare una verifica per capire gli orientamenti e dare forza politica all’ambizioso progetto. A settembre, si aprirà un vero e proprio ‘cantiere’ sui temi delle pari opportunità, un dibattito che vedrà il coinvolgimento di tutte le forze politiche anche sulla scorta delle scelte che andranno a maturare a livello nazionale”.

 

L’Ufficio Stampa