Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 25 Gennaio 2022

Franco Ferrarotti parla del suo amico Cesare Pavese

“Io e Pavese eravamo due contadini perduti a Torino”. Così il sociologo ed intellettuale Franco Ferrarotti in quest’intervista che svela particolari inediti sullo scrittore e poeta che visse l’esperienza del confino in Calabria. Il professore emerito di Sociologia alla “Sapienza” “Io e Pavese eravamo due contadini perduti a Torino”. Così il sociologo ed intellettuale Franco Ferrarotti in quest’intervista che svela particolari inediti sullo scrittore e poeta che visse l’esperienza del confino in Calabria. Il professore emerito di Sociologia alla “Sapienza” di Roma parla di un rapporto d’amicizia nato sulla base della condivisione di passioni comuni: le traduzioni dei testi letterari di autori stranieri ed “il culto della parola esatta”. Un' intervista effettuata da Chiara Fera che è anche una “finestra” sul Ventennio e sui suoi protagonisti.

Link all'articolo:

http://5.249.128.22/vecchio-calabriaonweb/2013/10/15/il-mio-amico-cesare-pavese-e-quelli-che-non-lhanno-mai-capito-mi-telefono-prima-di-suicidarsi-ma-io-ero-al-mare-3/