Sunday, 14 July 2024

 “Dopo l’ok dell’Asp di Catanzaro non crediamo che, come dicevano i latini, ‘in cauda venenum’ perché, ragionevolmente, adesso, si tratta, per mettere le 300 professionalità in condizioni di riprendere a lavorare, di affrontare problemi burocratici la cui soluzione è a portata di mano”.

Leggi il contenuto completo dell'articolo