Wednesday, 19 January 2022

Giordano (Idv): "Sull'interporto di Gioia Tauro bisogna fare di piu'"

''Ritengo che la risposta data alla mia interrogazione dalla vicepresidente della Regione, Antonella Stasi sia insufficiente rispetto alla problematica centrale inerente la creazione di una societa' per la gestione dell'interporto di Gioia Tauro''. E' quanto afferma, in una nota, il consigliere regionale di Idv Giuseppe Giordano, in relazione al confronto avuto nell'assise regionale ''a proposito della richiesta di chiarimenti sulla volonta' del governo regionale a porre in essere una serie di atti finalizzati alla costituzione di una societa' di gestione dell'interporto gioiese per mettere a sistema, rendendo multifunzionale, la struttura portuale''.

''Al di la' degli interventi e delle iniziative programmate e attuate dalla Giunta regionale ed enumerati dalla Stasi per rafforzare l'area portuale - aggiunge  Giordano - non ritengo che si stia facendo molto per sviluppare  e rafforzare l'interporto inteso quest'ultimo come complesso organico di strutture e servizi integrati, ovvero una infrastruttura polifunzionale integrata di trasporti intermodali e servizi logistici avanzati attraverso lo sfruttamento al meglio delle sinergie interaziendali. In questa direzione, la creazione di una societa' di gestione potrebbe fare avviare tale percorso ricordando che l'Ue vuole ammodernamenti e collegamenti ferroviari entro il 2015. Ebbene, l'assessore Stasi ci ha comunicato l'imminenza del bando sul gateway ferroviario con un investimento di venti milioni di euro con il quale si individuera' il soggetto che andra' a realizzare le opere che prevedono, secondo quanto riferito, piazzali ,uffici direzionali, e una stazione ferroviaria''.

''Non mettiamo in dubbio - sostiene  Giordano -l'utilita' dell'intervento che  servira' ad ampliare i servizi portuali che non possono essere sacrificati esclusivamente nell'ambito del solo transhipment, ma  il problema centrale rischia di rimanere  irrisolto in quanto verrebbe a mancare,anche con riferimento ai servizi e alle attivita' imprenditoriali esistenti attualmente nel retroporto, un soggetto capace di mettere a sistema, integrare e rendere funzionale la molteplicita' degli interventi, ossia una societa' di gestione portuale sulle cui caratteristiche di governance la Stasi non ha dato alcun chiarimento''.