Thursday, 02 December 2021

L'Accademia Italiana della Cucina: "Valorizziamo la calabria migliore"

“La visita al Palazzo Campanella e alla sala dei Bronzi di Riace, da parte della delegazione della prestigiosa Accademia Italiana della Cucina, rappresenta per noi  calabresi, prima ancora che per noi politici e legislatori regionali,  un autentico  punto di orgoglio.

Il segretario - questore del Consiglio regionale della Calabria Giovanni Nucera con una delgazione dell' Accademia Italiana della Cucina


L’auspicio, naturalmente, è che attraverso la testimonianza della delegazione, entusiasta della sua permanenza a Reggio Calabria,  si possa trasmettere la validità ed i punti di forza  di una realtà come la nostra che spesso, in altre parti d’Italia, non si conosce o si conosce purtroppo soltanto  per altri motivi”. Lo ha sostenuto il consigliere regionale Giovanni Nucera, che, nella qualità di membro dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, ha ricevuto, nel tardo pomeriggio di ieri a Palazzo Campanella, una delegazione dell’ Accademia Italiana della Cucina - Istituzione Culturale della Repubblica Italiana. In occasione della Consulta nazionale dell’Accademia -  programmata a Reggio Calabria nei giorni 26 e 27 -  la delegazione,  guidata dal presidente nazionale e dal suo vice, rispettivamente  Giovanni Ballarino e  Severino Sani (tra gli altri: il  vice presidente vicario Paolo Petroni e  la delegata di Reggio Calabria Cettina Lupini), ha visitato Palazzo Campanella ed ha avuto uno scambio di opinioni con il segretario-questore, Giovanni Nucera, dell’Assemblea legislativa. Il presidente Ballarini, nel ringraziare per l’accoglienza calorosa ricevuta, ha sostenuto che “l’Accademia nazionale della cucina italiana, da circa sessant’anni tutela le tradizioni enogastronomiche e favorisce il miglioramento dei prodotti, in particolare esalta la territorialità della  cucina e periodicamente programma una riunione nei vari territori italiani.

La delegata dell’Accademia Italiana della cucina di Reggio Calabria Cettina Lupini; il segretario – questore del Consiglio regionale della Calabria Giovanni Nucera e il presidente nazionale dell’Accademia Italiana della Cucina, Giovanni Ballarini


In questa occasione, è stata scelta la Calabria, in quanto crediamo- ha aggiunto Ballarini -  che la cucina calabrese abbia mille motivi per essere valorizzata e per  poter diffondere i suoi prodotti in Italia e all’estero”. Ancora Ballarini: “Non è la prima volta che la Consulta dell’Accademia è in Calabria, ricordo, infatti, due bellissimi convegni: uno sulla cucina pitagorica e l’altro sulla cucina del pesce spada. Invece, in questa circostanza, ho potuto ammirare con grande piacere la valorizzazione del maiale nero, dei salumi oltre che dei formaggi di questa magnifica terra. Un gran salto di qualità per la Calabria, che è una regione che merita tanto e che io, che sono originario di Parma, ho particolarmente nel cuore ed ancora mi emoziono ricordando i tramonti sul mar Tirreno, dove ho, tra l’altro, avuto la fortuna di ammirare il ‘raggio verde’, ossia  la striscia luminosa sul mare che unisce l’ultimo raggio di sole alla terra, colorandosi magicamente di verde”. La delegata per Reggio Calabria,  Cettina Lupini, si è detta “onorata di questa visita così qualificata, in una terra che ha necessità di farsi conoscere per le positività che sono presenti e che spesso non vengono valorizzate. La Consulta nazionale, composta da persone di grandi qualità umane e professionali, ha avuto modo di conoscere la parte migliore della nostra amata Calabria”. Infine, la visita si è conclusa con uno scambio di volumi offerti dalla Presidenza del Consiglio regionale “e con l’augurio – ha sostenuto Nucera -   di un prossimo incontro, sicuramente  attraverso altre prestigiose iniziative che si vorranno organizzare  per far conoscere la nostra bellissima terra”.
[gallery link="file"]