Saturday, 27 November 2021

In Commissione il progetto di riforma degli enti sub regionali

La Prima commissione consiliare, ‘Affari istituzionali e affari generali’, presieduta dal consigliere Giuseppe Caputo (PdL), ha incardinato l’avvio dell’esame di una proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale che ha per oggetto il ‘riordino di enti, aziende regionali, fondazioni, La Prima commissione consiliare, ‘Affari istituzionali e affari generali’, presieduta dal consigliere Giuseppe Caputo (PdL), ha incardinato l’avvio dell’esame di una proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale che ha per oggetto il ‘riordino di enti, aziende regionali, fondazioni, agenzie regionali, società e consorzi comunque denominati, con l’esclusione del settore sanità’.
Per illustrare i contenuti dell’articolato, è intervenuto il sottosegretario regionale alle Riforme istituzionali, Alberto Sarra.
“Gli interventi riformatori programmati – ha detto Sarra – si inseriscono nel più vasto programma di risanamento dell’economia deciso dal governo nazionale con la spending review, anche al fine di stimolare la crescita e la competitività. La Regione ha piena consapevolezza – ha sottolineato il sottosegretario alle Riforme – dell’importanza del contenimento dei costi degli apparati burocratici e, attraverso l’utilizzo di una metodologia sistematica, intende migliorare il processo di allocazione delle risorse e la perfomance delle amministrazioni pubbliche in termini di economicità, qualità ed efficienza dei servizi offerti ai cittadini. E’ una metodologia, quella proposta – ha proseguito Sarra – che si sostituisce alla logica dei così detti ‘tagli lineari’ ed al criterio della ‘spesa storica’, attraverso un sistema razionale di valutazione e programmazione che ottimizzi il mix di risorse umane e materiali a disposizione delle pubbliche amministrazioni. La riduzione della spesa – ha chiarito Alberto Sarra – non modifica la quantità di servizi erogati, ma è orientata a colpire sprechi ed eccessi. Va da se – ha continuato – che i vantaggi perseguiti con questa proposta di legge sono dunque  la stessa preservazione degli interi aggregati del bilancio regionale, che verrebbero compromessi per il mutato quadro istituzionale, ove non si mettesse mano alla riduzione dei costi. Gli obiettivi di razionalizzazione  e di efficientamento delle strutture sono in linea con i bisogni diffusi della nostra popolazione, che vede nella eccessiva incidenza della spesa pubblica una fonte di sprechi insostenibile in periodi di crisi economica, con una crescente insoddisfazione che minaccia la stessa coesione civile”.
La proposta di legge della Giunta regionale prevede  interventi di riorganizzazione per l’Azienda Calabria Lavoro, per la Fondazione Calabria Etica, per la Fondazione Field, per la Fondazione Calabresi nel Mondo, per Fincalabra spa, per Sial spa, per le Aterp, per la Fondazione Calabria Film Commission, per il Parco marino dei Due Mari, per la Fondazione Mediterranea Terina.
A conclusione dei lavori, il presidente dell’organismo  Giuseppe Caputo ha ringraziato il sottosegretario Alberto Sarra e tutti i membri della Commissione.
“Si tratta – ha sottolineato Caputo – di un obiettivo riformatore imprescindibile ed urgente per l’insieme delle questioni evidenziate dal sottosegretario Sarra. Si tratta di delicati passaggi di ordine istituzionale ed amministrativo ineludibili, necessari per riportare efficienza ed efficacia nell’azione di molti enti regionali. E’ un lavoro che richiede un’attenzione certosina e che non può sicuramente prescindere da una corretta  valutazione per quel che concerne l’utilizzo delle risorse umane. Gli interventi dei colleghi durante i lavori odierni, a mio modo di vedere,  hanno evidenziato la comune volontà di riordinare la materia, ognuno con l’originalità del proprio apporto, con l’obiettivodi sottoporre al Consiglio regionale entro il prossimo mese di aprile un progetto di legge che sia profondamente innovativo su criteri e metodi di gestione degli enti interessati dalla riforma. La riduzione della spesa stimata – ha concluso Sarra – è complessivamente di 17 milioni di euro all’anno nel breve termine, con ulteriori vantaggi conseguibili nel medio - lungo termine”.
Nel corso della seduta, la Commissione ha anche eletto il nuovo Vicepresidente, il consigliere Pasquale Tripodi (Misto).
Ai lavori hanno preso parte i consiglieri: Domenico Talarico (IdV), Bruni (Udc), Tripodi (Misto), De Gaetano (Pd), Chizzoniti (Insieme per la Calabria), Orsomarso (PdL), Grillo (Scopelliti presidente) e  Giordano (IdV).