Tuesday, 30 November 2021

Il Consiglio regionale approva il Rendiconto generale 2015 e la Manovra di assestamento al Bilancio di previsione 2016 della Regione

Il Consiglio regionale, presieduto da Nicola Irto, con la sola astensione del consigliere Fausto Orsomarso, ha approvato il Rendiconto generale 2015 della Regione e la Manovra di assestamento del Bilancio di previsione 2016.seduta del 30.11.16
Dopo la relazione del presidente della seconda Commissione, Giuseppe Aieta, il Vice-presidente dell’esecutivo, prof. Antonio Viscomi, ha ribadito all’aula “la volontà del governo regionale di pervenire all’approvazione del prossimo bilancio di previsione entro il mese di dicembre 2016”. Viscomi, inoltre, ha posto in evidenza la bollinatura positiva sul Rendiconto del 2015 impressa dalla Corte dei Conti,  con propria deliberazione n.94/2016, ed ha inoltre indicato le iniziative varate dalla Giunta regionale per intervenire e recuperare le criticità sottolineate dall’Organo di controllo contabile sul sistema delle società partecipate regionali, sulle gestione degli enti strumentali e sul patrimonio.
seduta del 30.11.16_2Viscomi, nel corso del suo intervento, ha voluto sottolineare il proprio compiacimento per la disponibilità offerta dal Consiglio di esaminare ed approvare entro la fine di quest’anno il nuovo Bilancio di previsione per il 2017. La Manovra di assestamento al Bilancio 2016 autorizza ulteriori spese spalmate nel triennio 2016-2018 e finanziate con risorse autonome per circa 60 milioni di euro garantite.
Tali risorse sono provento delle entrate relative all'anno di imposta 2015 in eccesso rispetto alla necessità di copertura del disavanzo sanitario relativo a tutto il 31 dicembre 2014, così come verificato dal Tavolo tecnico degli adempimenti regionali di concerto con il Comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenza. Ed ancora: per effetto di un surplus di entrate dovuto all’Iva, indicate prudentemente in misura inferiore nel Bilancio di previsione 2016, per il maggiore gettito derivante dalla tassa automobilistica e per il risparmio sugli interessi dei mutui.
seduta del 30.11.16_3Ulteriori incrementi di finanziamento riguarderanno inoltre: il fondo necessario a garantire la copertura della spesa derivante da atti giudiziali di pignoramento; il maggior fabbisogno per gli interventi straordinari nel settore della forestazione e per il personale assegnato a Calabria Verde; le spese per l’ARSAC; le somme per i lavoratori socialmente utili che prestano servizio presso enti in dissesto finanziario; la copertura dei debiti pregressi relativi alle prestazioni socio- sanitarie  erogate sino al 31.12.2014; la copertura dei debiti pregressi in relazione a sopravvenute e non previste urgenze della Protezione civile; la copertura di debiti pregressi per gli oneri assistenziali che la Regione eroga, attraverso le ASP, ai soggetti aventi titolo all'assistenza sanitaria ed affetti da particolari patologie.