Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 23 Ottobre 2021

Cusumano: “Chiedo chiarezza e responsabilità sulle doppie preferenze”

“Con sorpresa, apprendo che nell’ordine del giorno della seduta della prima Commissione consiliare, convocata per mercoledì prossimo 18 settembre, non figura la proposta di legge sulla doppia preferenza di genere. Pur certa che è nelle intenzioni del presidente Caputo continuare “Con sorpresa, apprendo che nell’ordine del giorno della seduta della prima Commissione consiliare, convocata per mercoledì prossimo 18 settembre, non figura la proposta di legge sulla doppia preferenza di genere. Pur certa che è nelle intenzioni del presidente Caputo continuare a sostenere spirito e contenuti della proposta, portandola all’attenzione dell’organismo consiliare, mi trovo a dover prendere atto di questa ‘assenza’ alla prima seduta utile dopo la pausa estiva”.
A dirlo, è la presidente della Commissione regionale Pari Opportunità, avvocato Giovanna Cusumano che aggiunge: “Non posso non stigmatizzare la situazione di stallo che si è venuta a creare proprio quando l’attualità della proposta è sotto gli occhi di tutti, rappresentando uno strumento necessario per una inversione di tendenza e l’affermazione di una nuova cultura ‘paritaria’.
“Pertanto, chiedo al presidente Caputo di inserire, sin dalla prossima seduta, l’iniziativa legislativa e invito al contempo tutti i componenti della Commissione ad esprimere la rispettiva posizione nel merito, in modo che, una volta per tutte, si faccia chiarezza sulla reale volontà di sostenerla. Si tratta – conclude Giovanna Cusumano- di un atto di responsabilità e di trasparenza al quale la politica regionale non può più sottarsi”.