Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 22 Gennaio 2022

Approvato provvedimento che rivisita legge protezione civile

Protezione Civile Calabria


Diffondere la cultura della protezione civile nella scuola per consegnare al futuro, cittadini più informati e consapevoli dei problemi dell’ambiente e in grado, nelle situazioni di rischio, di attuare comportamenti responsabili e adeguati alle circostanze di emergenza e di pericolo: questo l’obiettivo della proposta di legge n. 320^ a firma del consigliere Giovanni Bilardi, esaminata ed approvata oggi dalla Commissione “Affari Istituzionali e Generali”, presieduta dal consigliere Giuseppe Caputo.
Un intervento normativo che va ad incidere sulla Legge organica (n. 4 del 1997) di protezione civile della Regione Calabria, in una realtà che presenta - come noto - una elevatissima pericolosità sismica.
“Da qui - ha spiegato Bilardi, relazionando in Aula - la necessità di formare una coscienza della prevenzione, proprio a partire dalla scuola, luogo per eccellenza della crescita intellettuale e culturale dei giovani, stimolando gli allievi a riflettere e a confrontarsi con i problemi della sicurezza e della difesa dai rischi”.

Il consigliere Giovanni Bilardi


Nel provvedimento si assegna particolare rilevanza ai percorsi formativi e alle esercitazioni per gli studenti ed il personale dirigente e docente, che - ha sottolineato Biliardi - “contribuiranno senza dubbio a garantire, nelle situazioni di emergenza, automatiche reazioni di tutela verso se stessi e verso gli altri, integrando anchei soggetti più deboli in un sistema organizzato che eluderà il senso di solitudine di fronte a pericolo”.
“Un provvedimento importante che, specie in una regione come la Calabria, ad elevato rischio sismico - ha detto il presidente Caputo - punta a formare la giusta consapevolezza e preparazione rispetto alla gestione delle situazioni di rischio e di emergenza, oltre che a produrre cambiamenti culturali profondi. Uno strumento normativo - ha concluso il presidente dell’organismo consiliare - che ci consente soprattutto di mantenere alta l’attenzione, accrescendo la conoscenza e svincolandola dal verificarsi delle situazioni di emergenza”.
Alla seduta hanno preso parte il vicepresidente del Consiglio Alessandro Nicolò (Pdl), i consiglieri Agazio Loiero (Autonomia e Diritti), Giovanni Bilardi (Scopelliti Presidente), fonso Dattolo (Udc), Fausto Orsomarso (Pdl), Mimmo Talarico (Idv) e Alfonsino Grillo (Scopelliti Presidente).